Marketing Consumer

Non è un prodotto anche questo?


Lascia un commento

Il marketing (sbagliato) dal basso, in pizzeria

Bentornati su Marketing Consumer.

Durante la pausa estiva (in cui ho seguito i consigli di WeekendOut.it) non ho potuto esimermi dal fotografare questo fantastico esempio di come non mandare un buon messaggio ai propri clienti.

Davanti una pizzeria di una nota località lacustre ho visto infatti questo cartellone:

pizze a scelta

Ora per carità, voi direte  che magari esagero… però cavolo grazie di avermi dato la scelta della pizza!

Sicuramente l’ingenuità fa sorridere, però è evidente come sia in questo caso eccessiva.
Sarebbe bastato il solito menù turistico, magari qualche offerta speciale. Ma da qui a concedere al cliente l’unica possibilità che ha, ovvero scegliere, mi sembra davvero un po’ troppo!

Rimanete sintonizzati, tra qualche giorno l’esito di una ricerca a cui sto lavorando da un po’, e verrà pubblicata in crosspost con Glamis on Security!

Federico

Annunci


3 commenti

La birra Bavaria e l’importanza del colore nel brand

Fa caldo, fa molto caldo.

Quindi perché non partire da una bella birra rinfrescante, e allo stesso tempo cogliere l’occasione per parlare di marketing?

La birra in questione è la Bavaria, una delle principali birre europee indipendenti.

Per indipendenti intendo non legata a grandi gruppi multinazionali (come ad esempio Heineken o AB-InBev), ma ancora controllata dalla famiglia olandese che ha fondato il marchio.

Tornado al case study, la Bavaria recentemente ha iniziato una campagna, intitolata Out of the Blue.

Bavaria Out of the Blue

La campagna ha come obiettivo pubblicizzare il cambio del brand color, da un classico verde (tipico di moltissime birre) ad un insolito e originale blu!

In pratica sono passati da cosìBavaria old green bottlea così  Bavaria new Out of the Blue Bottle

A dire il vero il blu era già presente nel marchio, ma la bottiglia risultava abbastanza classica nella sua fattura. E si sa che il troppo classicismo porta spesso all’anonimato.

La scelta invece è stata molto coraggiosa, sia perché si è scelto un colore che non ha immediata aderenza al prodotto-birra, sia perché si è comunque ridisegnata un’etichetta storica per rilanciare il marchio anche dal lato, permettetemi di dirlo, modaiolo.

L’iniziativa è stata molto interessante in particolare dal lato della comunicazione e in particolare per il rilancio del marchio in Italia, c’è una pagina Facebook per l’iniziativa, concorsi a tema e anche iniziative più o meno virali, come queste (cliccate per ingrandire):

Bavaria guerrilla marketing a Torino Bavaria guerrilla marketing a Roma

Insomma l’impegno è stato molto forte, come del resto è necessario per un restyling e rilancio di un brand.
Anche lato affissioni classiche devo dire di averne viste davvero molte qui a Roma, sia per strada che nei punti vendita.

Veniamo al punto quindi, perché il caso Bavaria è così interessante?

Perché è importante il colore di un brand?

Ovviamente la risposta principale è che i colori sono importanti. Sono importanti perché riescono a comunicarci in modo immediato, quasi naturale, delle sensazioni positive o negative, piacevoli o spiacevoli, rilassanti o eccitanti. Ed è soprattutto un modo diretto per arrivare al consumatore, senza bisogno di inventarsi slogan efficaci, o campagne shock.

Lo studio dei colori nel design di un brand è quindi una fase essenziale per garantire un corretto posizionamento del marchio, per cogliere il target giusto. E ovviamente tutti i colori sono diversi da loro, sia per quello che vogliono rappresentare sia per il messaggio che comunicano.

Ci sono molti articoli che trattano questo argomento ma questo ottimo post di SeoSmarty mi sembra uno dei più chiari. La tabella, in parte ripresa da questo articolo di entrepreneur.com, mostra subito i vari colori, e cosa rappresentano. Dico subito che l’analisi che loro fanno è legata al colore del sito web, ma non cambia di molto l’ottica, visto che comunque il sito dovrebbe deve riprendere sempre i colori del marchio, in caso di un prodotto.

Vediamone qualcuno:

Blu È il colore del cielo e del mare calmi, della sicurezza e della fiducia.
Molto usato nelle istituzioni finanziarie (e nelle birre :-)).
Invia un messaggio di stabilità.
Verde È il colore dei soldi, ma anche della tranquillità, della serenità.
La tonalità qui conta e meno il verde è intenso più trasmette calma.
Non per nulla, le bottiglie di birra sono verdi! Che c’è di più rilassante di una birra tra amici?
Giallo È il colore del sole, quindi trasmette ottimismo, energia e positività. Alcune ricerche hanno notato che l’occhio umano vede il giallo vivo prima di altri colori, quindi è indicato per segnalare le offerte.
Bianco È il colore della purezza, della semplicità.
Molto legato quindi ai prodotti sanitari, o che servono a garantire l’igiene.

Ci sono diversi tool online che permettono di fare delle prove di colore, uno dei più carini che ho trovato è Cymbolism, che aiuta i designer proprio a scegliere il colore più adatto per esprimere i sentimenti del proprio messaggio.

Basandosi proprio su Cymbolism, UsabilityPost ha pubblicato un articolo che aggrega qualche brand famoso proprio in base al colore (cliccate per ingrandire):

Usability Post A Guide to Choosing Colors for Your Brand

Come si può vedere, anche marchi che apparentemente non c’entrano nulla fra loro, hanno comunque un colore affine proprio per trasmettere gli stessi valori.
Ulteriori risorse su questo campo sono disponibili in abbondanza, dalla psicologia dei colori al loro simbolismo, sia occidentale che orientale, e in particolare se si elabora progetti cross-culturali.

Tornerò sull’argomento, anche per riprendere, come ulteriore case study, quello che è stato il cambiamento di colore più importante (IMHO) nella storia recente del marketing italiano.
Un indizio? Si è passati dal verde al rosso, anzi, alla rossa

Federico


1 Commento

Intervista al Consumatore del Marketing!

Mi scuso per il ritardo nell’aggiornamento (ero a fare shopping, naturalmente), ma ho il piacere di segnalarvi che il Consumatore del Marketing è stato intervistato!

Potete leggere tutta l’intervista sul blog dell’amico Marco, l’angolo rotondo, nel post il consumATTORE : quando il cliente ne sa più degli esperti..

Un grandissimo grazie a Marco, e spero che sia una buona lettura per tutti!

Federico


Lascia un commento

Il marketing dal basso, dal cassamortaro

Lo sapevamo tutti, prima o poi sarebbe toccato anche a loro.
Quindi perché non togliersi il dente subito, mettere le mani sopra il tavolo, e affrontare il fine settimana (*) con le pompe funebri! E lo facciamo con una doppia segnalazione.

Partiamo con quanto ci invia ancora Marco dell’angolo rotondo da Milano:

In tempo utile

Qui stiamo proprio al livello base, un foglio stampato e le lettere adesive (!!) sulla vetrina. Roba che manco gli internet point dei cingalesi.

Però quel messaggio “consultateci in tempo utile“, fatti i dovuti scongiuri, raggiunge il bersaglio.
In fondo non è mai troppo tardi per prepararsi al gran momento, e se ci mettiamo la vestizione aggratisse e le corone a prezzi modici, magari un pensierino…

Passiamo dall’ingenuo al professionale.

Stavolta siamo a Roma e il committente è un professionista del settore: Taffo. Recentemente sulle strade di Roma e provincia sono comparsi questi cartelloni:

Taffo funeral service sicurezza stradale

Stavolta il messaggio forte è unito all’impegno sociale.
La campagna punta infatti, oltre che a pubblicizzare l’azienda, anche a sensibilizzare l’osservatore sul rispetto della vita.

In genere non mi piacciono molto le provocazioni, ma in questo caso devo dire che è di grande effetto, non è volgare né allusiva, e raggiunge bene l’obiettivo.
La campagna sulle strade è anche correlata ad una pagina Facebook dedicata.

Ben fatto ad entrambi insomma, ognuno con i mezzi di cui dispone 🙂

Federico

(*) Parlando di fine settimana, se non sapete cosa fare perché non vi fate un giro su WeekendOut.it, un progettino a cui collaboro da poco!


2 commenti

Il marketing dal basso, alla settimana della moda

Continuiamo il viaggio nelle meraviglie del marketing dal basso, stavolta con l’aiuto di un lettore.

Marco, del blog l’angolo rotondo, invia questo autentico capolavoro esposto a Milano, in una jeanseria, durante la mitica settimana della moda.

We are aperts on domenics

Diciamo la verità, c’è della poesia in questo cartello.
C’è un tentativo di coinvolgere i tanti turisti, anche con una eccezionale apertura in un giorno feriale!

Ma soprattutto, visto che la forma è corretta (we are ___ on ___), perché non cercare le parole sul vocabolario? 🙂

Un sentito grazie a Marco per aver condiviso questa perla!

Federico

 


Lascia un commento

Il marketing dal basso, in banca

Stavolta, dopo essere stati al bar e al supermercato, andiamo in banca.

Passando davanti una filiale del Gruppo Intesa, si può leggere questo splendido avviso:

Avviso Banca

Ora questo avviso è sbagliato, per tutta una serie di motivi. Cerchiamo di capirli insieme.

  • Prima di tutto si avvisa di un possibile malfunzionamento (corretto), però poi si omette di dire perché. Certo la banca non è tenuta a dirlo, ma magari il cliente vorrebbe pure sapere che sta succedendo in un posto di cui si dovrebbe fidare.
  • Viene segnalata una data di inizio malfunzionamenti, ma la fine? Quanto dureranno? Resterà sempre così? Il direttore non lo sa? Boh! Insomma: un messaggio lanciato nel vuoto. La banca sarà in difficoltà per quanto? Non si sa.
  • I “signori” clienti vengono invitati correttamente a rivolgersi, per operazioni di sportello, ad altre filiali del gruppo. Anzi il cartello le definisce limitrofe. Peccato che non ci sia poi scritto dove stanno, queste filiali! Non un indirizzo, non una mappa, un sito internet per le informazioni. Nulla.

Per carità, io capisco la crisi e tutti i problemi che hanno le banche (e i loro clienti).
Però questo è veramente menefreghismo.

Bastava scrivere poche altre cose: una spiegazione anche generica, una possibile data di fine (o magari un “fino a prossima comunicazione”). Tanto per far sembrare la cosa un punto su cui si sta lavorando.

Bisognava poi, e questo è l’errore più grande, scrivere dove sono le altre filiali. Non ci vuole molto a fare un elenco, non ci vuole molto nemmeno a stampare una cartina di Google Maps e evidenziare un percorso da questa filiale alle altre. Ci vuole una mezz’ora di tempo, e la voglia di farlo.

I problemi possono succedere, nessuno lo nega. Però vanno correttamente comunicati alla clientela, è una questione di rispetto.
Proprio il tipo di rispetto che ti fa aumentare la fidelizzazione dei tuoi clienti. E penso che questo argomento dovrebbe essere molto prioritario per una banca, proprio in un momento come questo.

Federico


4 commenti

Un benvenuto ad uno spot piacevole

Torniamo a parlare di spot alla radio, dopo l’infelice storia del defficiente (che nel frattempo ha ripreso ad andare in onda).

Sempre se ascoltate Radio 24, non potete non aver sentito la serie di spot di Welcome Italia.

Welcome Italia Logo

Gli spot sono disponibili per l’ascolto anche sul loro sito.
La nota molto positiva è senza dubbio un eccellente padronanza del mezzo. Il problema principale della “provocazione” del defficiente era che non avevano capito l’estrema familiarità del media radio, non avevano capito che quella voce che esce dall’altoparlante, dalle cuffie o dal cruscotto dell’auto.

Ora gli spot di Welcome Italia sono calmi, rilassati. Non ci sono insulti o urla, non c’è musica fastidiosa.

Ci sono al contrario voci pacate, amichevoli, che con garbo spiegano perché hanno scelto questo come loro provider di telefonia.
E, cosa molto interessante, lo dicono mettendoci la faccia, con nomi, cognomi e funzioni. Ovviamente si tratta di accordi commerciali, come sempre accade nella presentazione di case history così dettagliate. Ma è comunque un segnale molto forte nei confronti di nuovi clienti, anche perché le tipologie di aziende che vengono rappresentate sono molto diverse, ed è facile quindi che un nuovo potenziale cliente si identifichi in una di esse.

Presentarsi in prima persone, quindi, è sempre un fatto positivo, ma lo è ancora di più se si considera l’uso dello strumento.
Stavolta il messaggio passa molto bene, resta una bella sensazione e, soprattutto, rimane impresso il nome della società.

La cosa ancora più interessante è che Welcome utilizza lo stesso metodo, oltre che per i testimonial anche per cercare i propri agenti. Stavolta a parlare è direttamente l’amministratore delegato, che con la consueta calma e chiarezza illustra l’offerta per chi vuole rivendere i prodotti Welcome Italia.

In conclusione, vediamo quali sono i punti più efficaci di questa campagna pubblicitaria.

  1. Metterci la faccia. È sempre importante (lo sappiamo dai tempi di Carosello o recentemente con Giovanni Rana), ma lo è ancora di più quando si vuole portare come esempio i propri clienti. E sentire la voce che parla direttamente a chi cliente non è aiuta molto a creare un rapporto di fiducia e a spingere l’ascoltatore a saperne di più. Oppure a invogliare l’agente di commercio a capire se quella è un’azienda da rappresentare.
  2. Chiarezza e leggerezza. In totale opposizione al precedente caso, stavolta il messaggio è inviato in modo chiaro, semplice, con toni leggeri e garbati. E arriva. Questo smonta parecchie teorie su quanto sia importante la provocazione, l’alto impatto o il presunto infrangere le regole. Il caso Welcome Italia dimostra invece che basta parlare chiaro, diretto e in modo cortese, e quello che si vuole dire non solo sarà ascoltato, ma resterà.
  3. Padronanza del mezzo. L’ultimo punto è forse quello più importante nel capire il caso. Infatti su un altro mezzo di comunicazione non sarebbe stato così efficace il messaggio. Sappiamo benissimo che il mezzo è il messaggio, ma questo vuol dire saperlo usare. La radio è forse il medium più familiare che esista, e usarlo come se si stesse parlando ad un amico, con toni pacati e leggeri, vuol dire creare un messaggio vincente. E questo è davvero un caso emblematico.

Speriamo che molti seguano questo esempio, senza inciampare in “provocazioni” di cui, onestamente, non sentivamo la mancanza.

Federico